Quando sabato verrete al nostro Open Day, non perdete l’occasione di ammirare la nostra bella sede di Villa Hériot. Un edificio prestigioso neobizantino immerso in un giardino affacciato sulla laguna sud di Venezia che colpisce il visitatore con il suo fascino inalterato d’architettura sognata.
La storia di villa Hériot si lega a quella della rinascita della Giudecca come area industriale cittadina, quando ancora Marghera non era stata ‘inventata’. Tra la fine dell’Ottocento e i primi decenni del Novecento nell’isola s’insediarono realtà produttive molto importanti come le fabbriche degli orologi e dei congegni di precisione Junghans, o quelle tessili degli Herion e di Mariano Fortuny, ma soprattutto trovò posto il Molino Stucky che con le sue moderne forme neogotiche anseatiche rappresenta uno dei più importanti esempi di prima architettura industriale.
Nella Belle époque veneziana che precedette i disastri della Grande guerra, possedere una dimora con giardino alla Giudecca era considerato un vero status simbol e così aristocratici e facoltosi stranieri, che trascorrevano parte dell’anno a Venezia animandone la vita mondana, acquisirono delle proprietà anche nell’isola. Nel 1926 Madame Hériot acquistò alla Giudecca il terreno su cui tra 1928 e 1929 sorgerà la sua villa in stile ecclettico veneto-bizantino. Per progettarla si avvalsero del gusto e della creatività di Raffaele Mainella il quale, tuttavia, non essendo architetto, collaborò in fase costruttiva con l’ingegnere Radaelli e il geometra Merlo capaci di conciliare gli aspetti funzionali con quelli estetici proposti nel suo progetto. L’insieme, evidentemente, doveva rispondere al sogno dei committenti di creare anche in questo angolo di laguna una dimora signorile che la identificasse con distinzione e ricchezza e le permettesse di godere di tutte le comodità e le raffinatezze della vita moderna, come evidenzia la distribuzione interna degli ambienti che non presenta analogie con l’architettura locale e sembra invece essere il riflesso di intenti monumentali e formali propri dell’architettura degli inizi del XX secolo.